Congratulations!

[Valid Atom 1.0] This is a valid Atom 1.0 feed.

Recommendations

This feed is valid, but interoperability with the widest range of feed readers could be improved by implementing the following recommendations.

Source: https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/feed/atom/

  1. <?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?><feed
  2.  xmlns="http://www.w3.org/2005/Atom"
  3.  xmlns:thr="http://purl.org/syndication/thread/1.0"
  4.  xml:lang="it-IT"
  5.  xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/wp-atom.php"
  6.   >
  7. <title type="text">Spazio di documentazione IL GRIMALDELLO</title>
  8. <subtitle type="text"></subtitle>
  9.  
  10. <updated>2018-12-08T12:14:53Z</updated>
  11.  
  12. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" />
  13. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/feed/atom/</id>
  14. <link rel="self" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/feed/atom/" />
  15.  
  16. <generator uri="https://wordpress.org/" version="4.9.8">WordPress</generator>
  17. <link rel="hub" href="https://pubsubhubbub.appspot.com" /><link rel="hub" href="https://pubsubhubbub.superfeedr.com" /> <entry>
  18. <author>
  19. <name>grimaldello</name>
  20. </author>
  21. <title type="html"><![CDATA[(Ago-2018) Nuove disposizioni comunali]]></title>
  22. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/12/08/ago-2018-nuove-disposizioni-comunali/" />
  23. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=866</id>
  24. <updated>2018-12-08T12:14:53Z</updated>
  25. <published>2018-12-08T12:14:53Z</published>
  26. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="Generale" /> <summary type="html"><![CDATA[Nella notte del 5 agosto,  sulle bacheche comunali di Genova sono state pubblicate le nuove “Disposizioni in materia di igiene urbana e tutela del decoro e del territorio” del sindaco cre-tino  Bucci e del semplicemente cre-tino Garassino. Saranno vere o false? Difficile dirlo, visto che nei giorni immediatamente successivi, i giornali locali minacciavano la prigione [&#8230;]]]></summary>
  27. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/12/08/ago-2018-nuove-disposizioni-comunali/"><![CDATA[<p>Nella notte del 5 agosto,  sulle bacheche comunali di Genova sono state pubblicate le nuove “<strong>Disposizioni in materia di igiene urbana e tutela del decoro e del territorio</strong>” del sindaco cre-tino  Bucci e del semplicemente cre-tino Garassino. Saranno vere o false? Difficile dirlo, visto che nei giorni immediatamente successivi, i giornali locali minacciavano la prigione per chi non paga il biglietto del bus.</p>
  28. <p>Vedi foto&#8230;<span id="more-866"></span></p>
  29. <p><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Altra.jpg"><img class="alignnone size-medium wp-image-867" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Altra-225x300.jpg" alt="" width="225" height="300" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Altra-225x300.jpg 225w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Altra-113x150.jpg 113w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Altra.jpg 450w" sizes="(max-width: 225px) 100vw, 225px" /></a></p>
  30. <p><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2.jpg"><img class="alignnone size-medium wp-image-868" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2-300x200.jpg" alt="" width="300" height="200" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2-300x200.jpg 300w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2-768x511.jpg 768w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2-150x100.jpg 150w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/Cavour_2.jpg 900w" sizes="(max-width: 300px) 100vw, 300px" /></a></p>
  31. <p><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0639.jpg"><img class="alignnone size-medium wp-image-869" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0639-225x300.jpg" alt="" width="225" height="300" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0639-225x300.jpg 225w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0639-768x1024.jpg 768w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0639-113x150.jpg 113w" sizes="(max-width: 225px) 100vw, 225px" /></a></p>
  32. <p><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0641.jpg"><img class="alignnone size-medium wp-image-870" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0641-225x300.jpg" alt="" width="225" height="300" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0641-225x300.jpg 225w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0641-768x1024.jpg 768w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/12/DSCN0641-113x150.jpg 113w" sizes="(max-width: 225px) 100vw, 225px" /></a></p>
  33. ]]></content>
  34. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/12/08/ago-2018-nuove-disposizioni-comunali/#comments" thr:count="0"/>
  35. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/12/08/ago-2018-nuove-disposizioni-comunali/feed/atom/" thr:count="0"/>
  36. <thr:total>0</thr:total>
  37. </entry>
  38. <entry>
  39. <author>
  40. <name>grimaldello</name>
  41. </author>
  42. <title type="html"><![CDATA[(Set-2018) Avvisi pericolosi]]></title>
  43. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/sett-2018-avvisi-pericolosi/" />
  44. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=851</id>
  45. <updated>2018-11-29T15:06:49Z</updated>
  46. <published>2018-11-29T14:03:05Z</published>
  47. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[Anche a Genova un avviso a “persona da ritenersi socialmente pericolosa”&#8230; Il 10 agosto è stato notificato ad un compagno dello Spazio di documentazione Il grimaldello di Genova un avviso ai sensi del decreto n.159/2011. Come sempre l’avviso fa riferimento ad episodi avvenuti durante tutta la vita della persona in questione ed in questo caso [&#8230;]]]></summary>
  48. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/sett-2018-avvisi-pericolosi/"><![CDATA[<h3><strong>Anche a Genova un avviso a “persona da ritenersi socialmente pericolosa”&#8230;</strong></h3>
  49. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">Il 10 agosto è stato notificato ad un compagno dello Spazio di documentazione Il grimaldello di Genova un avviso ai sensi del decreto n.159/2011. </span></span><span id="more-851"></span></p>
  50. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">Come sempre l’avviso fa riferimento ad episodi avvenuti durante tutta la vita della persona in questione ed in questo caso si risale agli anni’80 (un furto), si passa attraverso l’accensione di un fumogeno ed un eventuale imbrattamento per finire con alcune contestazioni, avvenute in questo stesso anno, in relazione alla supposta detenzione di oggetti atti ad offendere durante un attacchinaggio antifascista e ad alcuni insulti ad un leghista.</span></span></p>
  51. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">Già nel 2003 – quando ancora in città si respirava l’aria del G8 &#8211; il nostro compagno era stato “avvisato” di tenere una condotta conforma alla legge, ma non erano poi state adottate misure di prevenzione. Ora, con questi chiari di luna, la quotidiana attività di chi si oppone ai nuovi fascisti del DASPO urbano e dei respingimenti dei migranti infastidisce particolarmente i devastatori delle città e dei tessuti urbani, padroni sempre più spocchiosi e gretti che ci invitano a trastullarci con improbabili feste a comando per cittadini riqualificati.</span></span></p>
  52. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">Sono costoro a mettere a rischio la sicurezza di tutti noi e già temiamo le loro soluzioni abitative e per la mobilità urbana che si concretizzeranno in Gronde ed alta velocità, ripensamenti di quartieri, <em>kermesse</em> nautiche, concertoni e ricordi di vittime.</span></span></p>
  53. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">La pratica della libertà e l’affermazione della dignità continueranno ad essere le nostre pratiche delittuose.</span></span></p>
  54. <p>&nbsp;</p>
  55. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: large">-&gt; Non ci mollano&#8230;ma sicuramente neppure noi.</span></span></p>
  56. ]]></content>
  57. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/sett-2018-avvisi-pericolosi/#comments" thr:count="0"/>
  58. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/sett-2018-avvisi-pericolosi/feed/atom/" thr:count="0"/>
  59. <thr:total>0</thr:total>
  60. </entry>
  61. <entry>
  62. <author>
  63. <name>grimaldello</name>
  64. </author>
  65. <title type="html"><![CDATA[(Ott-2018) Volantino corteo Antirazzista]]></title>
  66. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ott-2018-volantino-corteo-antirazzista/" />
  67. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=842</id>
  68. <updated>2018-11-29T13:48:15Z</updated>
  69. <published>2018-11-29T13:44:37Z</published>
  70. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[SI FERMI IL TEMPO DELLA SOTTOMISSIONE &#160; Genova, aprile 2017. Philippe, ragazzo minorenne quasi cieco, scappato dalla guerra civile in Costa D’Avorio, dove ha perso tutta la famiglia, viene massacrato di botte da 4 poliziotti, colpito da spray urticante e arrestato. Era appena sfuggito all&#8217;aggressione di due ubriachi italiani, ma si sa: se qualcuno chiama la [&#8230;]]]></summary>
  71. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ott-2018-volantino-corteo-antirazzista/"><![CDATA[<h6 style="text-align: center" align="CENTER"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: 300%"><b><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/SiFermiIlTempo.jpg"><img class="wp-image-843 alignright" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/SiFermiIlTempo.jpg" alt="" width="106" height="107" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/SiFermiIlTempo.jpg 288w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/SiFermiIlTempo-150x150.jpg 150w" sizes="(max-width: 106px) 100vw, 106px" /></a>SI FERMI IL TEMPO </b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: 300%"><b>DE</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: 300%"><b>LLA SOTTOMISSIONE</b></span></span></h6>
  72. <p>&nbsp;</p>
  73. <h6 align="CENTER"></h6>
  74. <h6 align="CENTER"></h6>
  75. <p><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">Genova, aprile 2017. </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b>Philippe</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">, ragazzo minorenne quasi cieco, scappato dalla guerra civile in Costa D’Avorio, dove ha perso tutta la famiglia, viene massacrato di botte da 4 poliziotti, colpito da spray urticante e arrestato. Era appena sfuggito all&#8217;aggressione di due ubriachi italiani, ma si sa: se qualcuno chiama la polizia e c’è di mezzo un immigrato, sarà lui a farne le spese.</span></span></p>
  76. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">Uno di quei poliziotti ammazzerà in casa sua <strong>Jefferson</strong>, ventenne ecuadoriano padre di una bambina. La madre di </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">Jefferson</span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"> aveva chiamato aiuto perché il ragazzo era evidentemente troppo agitato per problemi personali. “Aiuto” che, per lo Stato, soprattutto quando si tratta di immigrati, si traduce in violenza. L’assassinio è stato premiato con nuova scintillante ed efferata dotazione: il </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b><em>taser</em>.</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"> Lo specchietto per le allodole del Nazionalismo viene sfoderato appena le condizioni lo permettono.</span></span><span id="more-842"></span></p>
  77. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">E questa è solo una conseguenza del più generale odio razziale che si innesta, ad arte, su quello di classe. Qualcuno ha paura di perdere la proprietà (casa, oggetti da rubare&#8230;) o qualsiasi cosa percepisca come tale, chi non ha niente ha il terrore di perdere anche i due spiccioli di carità o il posto in dormitorio.</span></span></p>
  78. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">Non servono molte parole per sottolineare quanto sia necessario e urgente agire contro l’ondata reazionaria. Ai campi di concentramento, alla segregazione istituzionale e allo sfruttamento spinto fino alla semi-schiavitù, si accompagna uno stillicidio di aggressioni contro gli immigrati. Siamo ormai al tiro al bersaglio fomentato, legittimato, normalizzato. Difficilmente si potrebbe immaginare una più ignobile (quanto funzionale a padroni e governanti) </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b>parodia dello scontro di classe</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">. È come se la rassegnazione e la sottomissione, con cui un’ampia parte della società ha accettato tre decenni di attacchi capitalistici, si raggrumasse nel rancore verso l’immigrato, delegando al ducetto di turno la maniera forte. Se </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b>nazionalismo e razzismo</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">, vecchi ami avvelenati a cui sempre più sfruttati abboccano, non trovano in fretta decisi sbarramenti, infetteranno a lungo le anime morte prodotte da questa meravigliosa democrazia. Educati a pane e tolleranza verso l’intollerabile (tanto tutto è opinione, no?), eccoci qua.</span></span></p>
  79. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">I processi intentati contro donne e uomini che non vogliono accettare barriere, filo spinato, detenzione amministrativa, immigrati che muoiono in massa alle frontiere di terra o di mare, nei campi di concentramento, passano spesso sotto silenzio. La settimana scorsa c’è stata la prima udienza contro decine di manifestanti che si erano riuniti al Brennero il 7 maggio 2016 per l’iniziativa</span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b> “Abbattere le frontiere”. </b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">A questo seguirà un altro troncone con altrettanti imputati accusati addirittura di devastazione e saccheggio. </span></span><b> </b><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">Intanto gli arrestati durante quello stesso corteo, che hanno già avuto il processo d’appello, si sono visti confermare la condanna a 1 anno e 2 mesi. </span></span></p>
  80. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium">E noi? L’epoca che richiede alle minoranze ribelli quelle </span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b>drastiche opzioni</b></span></span><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"> di cui parlava uno storico partigiano (Claudio Pavone) non è dietro, ma davanti a noi.</span></span></p>
  81. <p align="JUSTIFY"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: medium"><b>L’azione e la rabbia contro ciò e chi fomenta tutto questo potrebbe convergere nel tempo e diffondersi nello spazio. </b></span></span></p>
  82. <p align="RIGHT"><span style="font-family: Times New Roman, serif"><span style="font-size: x-large"><b>Spazio di documentazione Il Grimaldello</b></span></span></p>
  83. ]]></content>
  84. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ott-2018-volantino-corteo-antirazzista/#comments" thr:count="0"/>
  85. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ott-2018-volantino-corteo-antirazzista/feed/atom/" thr:count="0"/>
  86. <thr:total>0</thr:total>
  87. </entry>
  88. <entry>
  89. <author>
  90. <name>grimaldello</name>
  91. </author>
  92. <title type="html"><![CDATA[(Ago-2018) Volantino &#8220;PRÈ-VISIONI&#8221;]]></title>
  93. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-volantino-pre-visioni/" />
  94. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=832</id>
  95. <updated>2018-11-29T13:35:46Z</updated>
  96. <published>2018-11-29T13:35:46Z</published>
  97. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[LE FACILI PRÈ-VISIONI di ARRAFFISTI e INTRALLAZZONI   Ci risiamo! Un&#8217;altra volta, l&#8217;ennesima equipe di scienziati e menti brillanti si è riunita e ha partorito un progettino, immediatamente definito geniale dai media che lo hanno sdoganato con lo stesso entusiasmo che ha accompagnato la promozione della “genialata” precedente, il famigerato scivolone deluxe in via XX. [&#8230;]]]></summary>
  98. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-volantino-pre-visioni/"><![CDATA[<p align="CENTER"><span style="font-size: large"><b>LE FACILI PR</b></span><span style="font-size: large"><b>È</b></span><span style="font-size: large"><b>-VISIONI di </b></span><span style="font-size: large"><i><b>ARRAFFISTI</b></i></span><span style="font-size: large"><b> e INTRALLAZZONI</b></span></p>
  99. <p align="CENTER">
  100. <p style="text-align: center" align="CENTER"><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio_pre.jpg"><img class=" wp-image-833 alignleft" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio_pre-300x191.jpg" alt="" width="232" height="148" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio_pre-300x191.jpg 300w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio_pre-150x95.jpg 150w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio_pre.jpg 518w" sizes="(max-width: 232px) 100vw, 232px" /> </a><a href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio.jpg"><img class=" wp-image-834 alignnone" src="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio.jpg" alt="" width="204" height="154" srcset="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio.jpg 259w, https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/files/2018/11/Madre_Dio-150x112.jpg 150w" sizes="(max-width: 204px) 100vw, 204px" /></a></p>
  101. <p align="JUSTIFY">
  102. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small"><b>Ci risiamo!</b></span></p>
  103. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Un&#8217;altra volta, l&#8217;ennesima equipe di scienziati e menti brillanti si è riunita e ha partorito un progettino, immediatamente definito geniale dai media che lo hanno sdoganato con lo stesso entusiasmo che ha accompagnato la promozione della “genialata” precedente, il famigerato scivolone deluxe in via XX.</span></p>
  104. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Non fosse per le evidenti analogie con sciagurati progetti del recente passato, come quello inerente la </span><span style="font-size: small"><b>demolizione e la rimozione integrale della storia di Madre di Dio e della Coellia</b></span><span style="font-size: small">, la scelta di presentare le fosche </span><span style="font-size: small"><b>Pre-Visioni </b></span><span style="font-size: small">all’inizio del bollente agosto feriale avrebbe potuto indurci a credere che questo fosse più il delirante risultato di un colpo di sole multiplo, piuttosto che una cosa seria.</span><span id="more-832"></span></p>
  105. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Purtroppo così non è e, come sempre, le belle parole e i commenti entusiastici servono a coprire l’efferatezza e la superficialità di un </span><span style="color: #000000"><span style="font-size: small"><b>piano</b></span></span><span style="font-size: small"> tutto ruspe e luoghi anonimi e asettici, privo di alcuna seria analisi del contesto e indifferente verso i reali problemi che assillano chi abita e vive il centro storico.</span></p>
  106. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Tutto, nell’arido progetto Prè-visioni, è infatti finalizzato, unicamente ed evidentemente, alla </span><span style="font-size: small"><b>speculazione economica e al profitto</b></span><span style="font-size: small"> legati all’industria del turismo e al mercato immobiliare. E’ è intorno a questa nuova attrazione per il turismo di massa che la scienza dell’affarismo si propone di ridefinire la </span><span style="font-size: small"><b>“qualità” sociale</b></span><span style="font-size: small"> della zona, ufficialmente attraverso la realizzazione di una residenza universitaria, più qualche piazzetta asetticamente arredata, più ricchi premi e cotillons in forma di lucine segnaletiche e cartelli dei più disparati tipi.</span></p>
  107. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Si tratta di “rilanciare” l’immagine di Prè per venderne interi pezzi o singoli immobili ad </span><span style="font-size: small"><b>agiati proprietari o a catene industriali, a prezzi ora impensabili</b></span><span style="font-size: small">.</span></p>
  108. <p align="JUSTIFY"><span style="font-size: small">Infatti non è certo per gli abitanti, per risolvere il cronico problema della scarsità delle abitazione e del costo esorbitante degli affitti, che si è pensato di “portare più luce” e “stemperare il senso di chiusura” abbattendo </span><span style="font-size: small"><b>due edifici abitati. </b></span><span style="font-size: small">Per la stragrande maggioranza di noi, come dimostrano i precedenti, ci saranno invece </span><span style="font-size: small"><b>gli sgomberi e le deportazioni verso le periferie</b></span><span style="font-size: small">, mentre ben pochi potranno usufruire dei vantaggi offerti dallo </span><span style="font-size: small"><b>sfruttamento sottopagato</b></span><span style="font-size: small"> dei contratti usa e getta.</span></p>
  109. <p align="JUSTIFY">Tocca perciò a noi ribadire continuamente con <b>l&#8217;azione diretta</b> le pratiche di <b>riappropriazione di luoghi, di controinformazione e di solidarietà attiva</b> con chi attua forme di lotta e strategia di sopravvivenza e di resistenza come l’occupazione di alloggi.</p>
  110. <p align="JUSTIFY">
  111. <p style="text-align: center"><i><b>FRONTEDEGRADO                                   </b></i><i>via della Maddalena, 81</i><b> IL GRIMALDELLO</b></p>
  112. ]]></content>
  113. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-volantino-pre-visioni/#comments" thr:count="0"/>
  114. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-volantino-pre-visioni/feed/atom/" thr:count="0"/>
  115. <thr:total>0</thr:total>
  116. </entry>
  117. <entry>
  118. <author>
  119. <name>grimaldello</name>
  120. </author>
  121. <title type="html"><![CDATA[(Ago-2018) Volantino Ponte Morandi]]></title>
  122. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-ponte-morandi/" />
  123. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=822</id>
  124. <updated>2018-11-29T13:21:56Z</updated>
  125. <published>2018-11-29T13:20:25Z</published>
  126. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /><category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="testi vari" /> <summary type="html"><![CDATA[SULL&#8217;ENNESIMA STRAGE IN NOME DELL’INTERESSE DI STATO E DEL DIO DENARO &#160; Dopo l’immediato shock e lutto, perdura la rabbia di fronte all&#8217;ennesima strage che si poteva evitare e imputabile alla logica capitalista del profitto e degli interessi di Stato, che già prova a riaffermarsi nella dialettica della ripartenza economica, della ripresa. Come altre volte, dal Vajont [&#8230;]]]></summary>
  127. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-ponte-morandi/"><![CDATA[<h3 style="text-align: center"><strong>SULL&#8217;ENNESIMA STRAGE IN NOME DELL’INTERESSE DI STATO E DEL DIO DENARO</strong></h3>
  128. <p>&nbsp;</p>
  129. <p>Dopo l’immediato <em>shock</em> e lutto, perdura la rabbia di fronte all&#8217;ennesima strage che si poteva evitare e imputabile alla <strong>logica capitalista del profitto e degli interessi di Stato</strong>, che già prova a riaffermarsi nella dialettica della ripartenza economica, della ripresa.<br />
  130. Come altre volte, <strong>dal Vajont a Sarno, dalle alluvioni ai disastri ferroviari</strong>, le aride dichiarazioni dei politici di turno ci restituiscono la fastidiosa sensazione che <strong>crolli, sfollati e morti debbano essere considerati null&#8217;altro che sfortunate disgrazie</strong>, gli inevitabili effetti collaterali di un progresso che è, in realtà, la maschera sotto cui si nasconde la solita, avida, cinica corsa al profitto.</p>
  131. <p><strong>In nome del dio denaro e in spregio alla natura e agli esseri umani</strong> si spianano montagne,<span id="more-822"></span> si innalzano immani ponti stradali e ferroviari, con (s)criteri che possono prevedere anche, come nel caso di ponte Morandi, di appoggiare i piloni alle case, <strong>senza alcun rispetto per la vita</strong> di chi vi abita.<br />
  132. <strong>La vita delle persone, infatti, non ha alcun valore</strong> di fronte agli enormi ricavi garantiti dalle <strong>Grandi Opere</strong> che, ciclicamente, i padroni si propongono di realizzare seguendo una invariabile logica ed un’unica regola, quella del <strong>Grandissimo Guadagno</strong>: così, se ieri i media celebravano il fasto e i trionfi del cemento armato e dell’industria pesante, mentre la <strong>repressione</strong> si accaniva contro gli oppositori, oggi gli stessi media celebrano i vantaggi e la sicurezza delle attuali costosissime e devastanti grandi opere, utili per la logistica del commercio, inutili e dannose per gli individui (fermati, anzi, alle frontiere) e per l’ambiente, <strong>quali il T.A.V., il T.A.P. o il progetto del gasdotto Snam</strong> (che si propone di radere al suolo 700 km di Appennino), <strong>mentre la stessa repressione colpisce processando e condannando inesorabilmente gli antagonisti</strong>.</p>
  133. <p><strong>La tragedia di ponte Morandi non è un fatto isolato</strong> da considerarsi separatamente da altre tragedie che hanno colpito innocenti a caso, in Italia e nel Mondo, alla <strong>stazione di Viareggio</strong> (2009) come nei capannoni della <strong>Ali Enterprises a Karachi </strong>(2012), in Pakistan: sfogare la frustrazione puntando il dito su questo o quell&#8217;immondo personaggio è il modo più sicuro per fornire <strong>un alibi</strong> ai veri responsabili di questi disastri, <strong>i potentati politici ed economici</strong> i quali, al di là dei fantocci eletti al momento, <strong>sono i reali governatori che dominano la società e determinano la sorte dei governati</strong>: perché gli immondi personaggi, indifferenti alle persone, irrispettosi dell’ambiente, ma ipersensibili al fascino del denaro, di volta in volta individuati come diretti responsabili, <strong>non sono mele marce che agiscono al di fuori dalle regole, ma un costante, invariabile prodotto del sistema, ad esso funzionale</strong>.</p>
  134. <p>A chi non è apparso evidente <strong>che la preoccupazione dei vari fantocci istituzionali locali e nazionali</strong> che si sono succeduti sui palchi mediatici del “giorno dopo” la tragedia nei <em>selfies</em> propagandistici <strong>fosse rivolta esclusivamente al <em>business</em>, a rassicurare l’industria mercantile e quella del turismo</strong> che lo <em>show</em> sarebbe andato avanti? Chi ha udito da loro parole di sincero dolore e commozione, <strong>al di là degli atti formali imposti dalla convenienza</strong>?</p>
  135. <p><strong>Hanno parlato, parlano, sanno parlare esclusivamente di soldi.</strong></p>
  136. <p><strong>Sono ossessionati dal profitto</strong> e ad esso sono disposti a sacrificare tutto, a cominciare <strong>dalla dignità, dalla libertà, dall&#8217;etica delle persone</strong>, che, essendo valori non monetizzabili, per lorsignori, appunto, <strong>non hanno valore alcuno</strong>. Lo dimostrano l’arroganza e la pervicacia con cui promuovono <strong>leggi e leggine liberticide, razziste e classiste</strong>, tese a colpire le categorie sociali ritenute economicamente meno sfruttabili, quando non addirittura improduttive e dannose: per timore di perdere qualche turista si impegnano a <strong>perseguitare questuanti e senzatetto, “bighelloni” e oziosi, affamati e bevitori “fuori controllo”</strong>, affibbiando multe e DASPO urbani a destra e a manca; per attirarlo si inventano <strong>cazzate incredibili e costose</strong>, come il famigerato <strong>scivolo <em>antiscivolante</em> di via XX settembre</strong>.</p>
  137. <p>Dei veri problemi della gente, <strong>di sfruttamento e lavoro, di alloggi e caro-affitti, di caro-vita e caro-salute</strong>, a loro non importa nulla: chiedono comprensione e collaborazione, ad esempio per aiutarli a stanare i cosiddetti abusivi che occupano le case, per poi ammettere candidamente che l’ente preposto all&#8217;edilizia popolare <strong>(A.R.T.E.) ha disponibili decine di appartamenti che manleva dai bandi pubblici</strong> per destinarli a <strong>profitto privato</strong>.</p>
  138. <p><strong>Ci chiedono di fidarci</strong> <strong>mentre</strong>, promettendoci le meraviglie del progresso e della velocità, <strong>devastano senza scrupoli</strong> territori sconfinati e bellissimi, preparando il terreno alla prossima, <strong><em>imprevedibile</em> catastrofe</strong>.<br />
  139. Dove, di nuovo, li ritroveremo con le loro lacrime di coccodrillo, a rassicurarci sulla ripartenza economica, sulla ripresa, sull&#8217;eccellenza delle ultime tecnologie. E a proporci una nuova “sicura” grande opera.</p>
  140. <p>&nbsp;</p>
  141. <h3><strong>Solidali con le vittime dell’ennesima strage di Stato</strong><br />
  142. <strong>A fianco di chi lotta contro la devastazione dei territori e il saccheggio dell’umanità</strong></h3>
  143. <p>&nbsp;</p>
  144. <p style="text-align: center"><em><strong>FRONTEDEGRADO</strong></em>                                         <strong>via della Maddalena 81, IL GRIMALDELLO</strong></p>
  145. ]]></content>
  146. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-ponte-morandi/#comments" thr:count="0"/>
  147. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/ago-2018-ponte-morandi/feed/atom/" thr:count="0"/>
  148. <thr:total>0</thr:total>
  149. </entry>
  150. <entry>
  151. <author>
  152. <name>grimaldello</name>
  153. </author>
  154. <title type="html"><![CDATA[(Lug-2018) Presidio Anti DASPO]]></title>
  155. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-presidio-anti-daspo/" />
  156. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=817</id>
  157. <updated>2018-11-29T12:48:57Z</updated>
  158. <published>2018-11-29T12:48:43Z</published>
  159. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[&#8220;NELLA GUERRA TRA POVERI ESISTE UNA SOLA CATEGORIA DI VINCITORI: I RICCHI&#8221; Il DASPO urbano, ora elogiato da Salvini e fascisti di ogni risma, in realtà fa parte del cosiddetto pacchetto sicurezza varato dal sinistro Minniti a febbraio del 2017, quindi in perfetta continuità con l&#8217;allora governo tecnico Gentiloni. Non si tratta dunque di una [&#8230;]]]></summary>
  160. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-presidio-anti-daspo/"><![CDATA[<h2 style="text-align: center"><strong>&#8220;NELLA GUERRA TRA POVERI ESISTE UNA SOLA CATEGORIA </strong><br />
  161. <strong>DI VINCITORI: I RICCHI&#8221;</strong></h2>
  162. <p>Il <strong>DASPO urbano</strong>, ora elogiato da Salvini e fascisti di ogni risma, in realtà fa parte del cosiddetto <em>pacchetto sicurezza</em> varato dal <em>sinistro</em> Minniti a febbraio del 2017, quindi in perfetta continuità con l&#8217;allora governo tecnico Gentiloni.<br />
  163. Non si tratta dunque di una novità bensì di una sistematizzazione di uno stato di cose.<br />
  164. Come gli accordi di Minniti con i trafficanti libici sono stati preceduti dalla legge Bossi-Fini contro gli immigrati e <span id="more-817"></span>dalla Turco- Napolitano con l&#8217;istituzione dei CPT, ogni governo, sia di centro destra che di centro sinistra come il nuovo esecutivo giallo-verde, porta avanti le stesse politiche sicuritarie e xenofobe.<br />
  165. L&#8217;odio contro l&#8217;immigrato è il migliore diversivo per nascondere quelle che sono le contraddizioni reali: uno stato che, <strong>sul fronte esterno</strong>, bombarda, stupra e tortura nei lager in Libia mentre, <strong>sul fronte interno</strong>, schiavizza gli immigrati per due euro l&#8217;ora negli assolati campi del sud o, quando non lascia che affoghino in mare, li trasforma in forza lavoro gratuita per ripulire le cartacce lasciate dai ricchi ad Albaro o per eliminare scritte e locandine “degradanti” dai muri del centro storico, arricchendo così le cooperative del già florido <em>business</em> dell’accoglienza.<br />
  166. Il DASPO urbano, quindi, non è altro che l’ennesima espressione giuridica del rapporto di forza fra Stato e proletari, espressione volta a mantenere salde le redini del dominio attraverso maggiore controllo, guerra tra poveri, deliri securitari, affinamento e capillarizzazione degli apparati repressivi dispiegati, in particolare, <strong>negli agglomerati dove le contraddizioni di classe potrebbero essere più evidenti e costituire una polveriera sociale</strong>. Proprio la morfologia di alcuni luoghi, come il centro storico, infatti, costituisce un problema per il potere.</p>
  167. <p>Il processo di riqualificazione dei quartieri, teso a renderli più consoni <strong>allo sviluppo del turismo e del mercato</strong>, vorrebbe cancellare le espressioni più vive e popolari per sostituirle con una vetrina asettica a cui i suoi abitanti storici non potranno più accedere.<br />
  168. Ecco quindi che la retorica di <em>Genova città del turismo</em> e promotrice di lavoro e progresso crolla come un castello di carte. Chi potrà usufruire dei benefici portati dall&#8217;industria del turismo saranno sempre gli stessi: chi ha potere economico.<br />
  169. E&#8217; emblematico il fatto che le stesse regole pro decoro e sicurezza siano state annullate in concomitanza con l&#8217;evento promosso da Costa Crociere con il mega scivolo in via XX Settembre.<br />
  170. Ma, tra una scivolata e l&#8217;altra, le ronde di carabinieri, alpini e polizia locale continuano ad intensificarsi rendendo la nostra città sempre più militarizzata e monitorata da telecamere mentre le condizioni sui posti di lavoro peggiorano: i <strong>300 morti</strong> dall&#8217;inizio del 2018 stanno lì a dimostrarcelo.<br />
  171. Ma, logicamente, è più semplice prendersela con un immigrato che ogni giorno deve affrontare il ricatto della propria clandestinità, con chi beve una birra per strada, o con chi, per campare, è costretto a vendere rose, piuttosto che con i padroni.<br />
  172. Per chi, invece, non ci sta e vuole combattere, ben presto verranno adottate altre nuove <em>misure</em> e armi. Ad esempio anche a Genova, in un prossimo futuro, verrà affiancato il <em>taser</em> al già imponente armamentario delle forze dell’ordine. Un’arma di tortura e comunque letale che in nord America ha già prodotto un migliaio di morti dal 2001 ad oggi.</p>
  173. <h2 style="text-align: center"><strong>GIOVEDì 19 LUGLIO IN PIAZZA SANT&#8217;ELENA</strong><br />
  174. <strong>PRESIDIO CONTRO IL DASPO URBANO, </strong><br />
  175. <strong>NO ALLA GUERRA TRA POVERI!</strong></h2>
  176. ]]></content>
  177. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-presidio-anti-daspo/#comments" thr:count="0"/>
  178. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-presidio-anti-daspo/feed/atom/" thr:count="0"/>
  179. <thr:total>0</thr:total>
  180. </entry>
  181. <entry>
  182. <author>
  183. <name>grimaldello</name>
  184. </author>
  185. <title type="html"><![CDATA[(Lug-2018) Volantino (anti)scivolo Costa]]></title>
  186. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-scivolo-costa/" />
  187. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=814</id>
  188. <updated>2018-11-29T13:21:34Z</updated>
  189. <published>2018-11-29T12:39:03Z</published>
  190. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[FELICITA’ E “CONCORDIA” Ed eccoci giunti a quello che potrebbe chiamarsi epilogo se non sapessimo che non è che l’inizio. “Benvenuti alla felicità” è lo slogan della giornata pubblicitaria in cui Costa Crociere, puntando ad un ritorno di immagine che ne consolidi il prestigio moltiplicandone i guadagni, verrà incoronata dalla sua interessata corte di intrallazzoni pubblici e [&#8230;]]]></summary>
  191. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-scivolo-costa/"><![CDATA[<h3 style="text-align: center"><strong>FELICITA’ E “CONCORDIA”</strong></h3>
  192. <p>Ed eccoci giunti a quello che potrebbe chiamarsi epilogo se non sapessimo che non è che l’inizio.<br />
  193. “Benvenuti alla felicità” è lo slogan della giornata pubblicitaria in cui Costa Crociere, puntando ad un ritorno di immagine che ne consolidi il prestigio <strong>moltiplicandone i guadagni</strong>, verrà incoronata dalla sua interessata corte di intrallazzoni pubblici e privati come sponsor padrone di Genova: felicità che ha ispirato ad istituzioni, commercianti, multinazionali ed associazioni di privati uno scivolo d’acqua di 340 metri per coprire l’intera via XX Settembre.<span id="more-814"></span></p>
  194. <p>L&#8217;inquinarmatore Costa non solo <strong>privatizzerà</strong> sabato 7 luglio il centro cittadino, ma già minaccia di tornare a Genova con le sue meganavi per ultimare la demolizione delle banchine del porto già avviata da SMC Crociere.</p>
  195. <p>Prima durante e dopo la celebrazione della Costa-All- Inclusive-Felicità migliaia di persone <strong>muoiono</strong> alla ricerca della felicità, anche se di una felicità meno spettacolare e più “normale”: muoiono sul lavoro, in mare, nell&#8217;alienazione delle periferie, nella miseria o vengono colpiti dalla repressione che, ultimamente, si arricchisce del provvedimento di allontanamento (<strong>DASPO urbano</strong>) per stranieri, sottoproletari, o semplicemente non allineati.</p>
  196. <p>“Benvenuti”, quindi, ai <strong>turisti</strong> che pagano profumatamente per ritrovare quello che hanno appena lasciato a casa, gli stessi “comforts”, <strong>città uniformate, apparentemente senza storia e sicuramente con un identico futuro</strong> delle quali, in realtà, non si vuole conoscere nulla. Benvenuti a coloro che vivono per i saldi, le grande chiamate a concerti di dubbia qualità, a qualsiasi tipo di <strong>divertimento a comando</strong> con ruote e scivoli giganti, come sono giganti quelle navi che tengono i motori costantemente accesi davanti alle case, alle quali impediscono la vista del mare. Abitare in via Milano equivale ad affacciarsi sul panorama della “Diga” di Begato con orrendi palazzi galleggianti.</p>
  197. <p>Ma la sicurezza non è più basata su certi indicatori di qualità della vita. E’ basata sul tenere fuori dalla vista le “zecche” che non si uniformano, gli immigrati, i poveri. <strong>Perché i poveri sì, il territorio lo conoscono bene</strong>, ci si sanno muovere sennò non potrebbero tirare a campare. Per questo devono essere sradicati dai territori che conoscono: il loro “sapere”, intimamente connesso al saper “fare”, diventa un pericolo per il potere.</p>
  198. <p>Ai cosiddetti tempi dei romani le parole d’ordine erano <em>panem et circenses</em>, assieme a divide et impera. Le stesse parole d’ordine ai tempi del capitalismo moderno con le sue città vetrina che garantiscono un quarto d’ora da star dispensando felicità da saldi estivi, mega eventi, calciatori e modelle. Una felicità sicura e garantita, da <strong>proteggere armi in pugno</strong>.</p>
  199. <p>Tra famelici asserviti, fulminei imprenditori, <strong>avidi borghesi</strong>, masse lobotomizzate e senza nerbo lo spettacolo va avanti lasciando, sottesi, la <strong>produzione e l’acquisto di armamenti e strumenti <em>hi-tech</em> di controllo</strong>.</p>
  200. <p>Genova, tra le città-stato di polizia allestite dalla recente applicazione del <strong>decreto Minniti</strong>, ha anche l’onore di mostrare ciò che il capitale è ormai in grado di trasformare (merda in oro, appunto). Nonostante sia lontanissimo dai nostri pensieri e dalle nostre azioni il ricorrere alle Istituzioni, citare la recente sentenza della Corte di Cassazione che prevede la confisca dei conti della Lega per 49.000.000 di euro &#8211; soldi rastrellati a nostre spese gonfiando i bilanci del partito – è una licenza che ci prendiamo.</p>
  201. <p>Ma sappiamo che chi non si sente rassicurato dalla presenza degli alberghi di lusso e dalle grandi navi, dalla città digitale e dai giga, chi non vuole lavarsi la coscienza con i <em>taser</em> che ammazzano un po’ meno, non ha altra scelta che riaffermare la propria forza contro questo<br />
  202. nuovo modello di territorio fatto del vuoto di tanti luoghi fotocopia. <strong>L&#8217;esclusione può e deve produrre intelligenza, fantasia e voglia di cercarsi ed organizzarsi</strong>.</p>
  203. <p style="text-align: right"><em><strong>i pirati della costa</strong></em></p>
  204. ]]></content>
  205. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-scivolo-costa/#comments" thr:count="0"/>
  206. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/lug-2018-scivolo-costa/feed/atom/" thr:count="0"/>
  207. <thr:total>0</thr:total>
  208. </entry>
  209. <entry>
  210. <author>
  211. <name>grimaldello</name>
  212. </author>
  213. <title type="html"><![CDATA[(Giu-2018) Assemblea pubblica DASPO urbano]]></title>
  214. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-assemblea-pubblica-daspo-urbano/" />
  215. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=809</id>
  216. <updated>2018-11-29T12:22:00Z</updated>
  217. <published>2018-11-29T12:22:00Z</published>
  218. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="Generale" /><category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="iniziative al grimaldello" /><category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="Sui muri e per le strade" /> <summary type="html"><![CDATA[SE BEVI UNA BIRRA TI MULTANO SE TI AGITI TI SPARANO Sotto la maschera “sociale” delle leggi sul degrado si svela il volto solito e feroce della repressione Le campagne in favore della “sicurezza” e contro il “degrado” non sono né una novità, né un&#8217;esclusiva italiana. Dovunque esse hanno rappresentato l&#8217;alibi con il quale giustificare ogni [&#8230;]]]></summary>
  219. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-assemblea-pubblica-daspo-urbano/"><![CDATA[<h3 style="text-align: center"><strong>SE BEVI UNA BIRRA TI MULTANO</strong><br />
  220. <strong>SE TI AGITI TI SPARANO</strong></h3>
  221. <p style="text-align: center">
  222. <em>Sotto la maschera “sociale” delle leggi sul degrado si svela il volto solito e feroce della repressione</em></p>
  223. <p>Le campagne in favore della “sicurezza” e contro il “degrado” non sono né una novità, né un&#8217;esclusiva italiana. Dovunque esse hanno rappresentato l&#8217;alibi con il quale giustificare ogni nefandezza, come le stragi di bambini di strada nel Brasile dei ricchi.<br />
  224. Tramite queste campagne la classe dominante di ogni parte del mondo si prefigge di consegnare la tutela della vita sociale interamente nelle mani e nei manganelli di magistrati e polizie di ogni genere, investiti di una sorta di mandato in bianco per la tutela dell&#8217;ordine e del profitto di questa stessa classe.<span id="more-809"></span><br />
  225. Come sempre, anche nel tempo delle città-vetrina, proletari e sottoproletari rappresentano il pericolo da neutralizzare, perché vengono percepiti come una minaccia costante alla proprietà e alla prosperità dei dominatori.<br />
  226. Quanto importi ai padroni di oggi come a quelli di ieri della sicurezza degli sfruttati è dimostrato dalla serie impressionante di incidenti sul lavoro che quotidianamente si succedono piuttosto che dal numero di morti, che si manifestano in maniera più discreta, ma non per questo meno impressionante, come i 403 assiderati quest&#8217;anno per le strade di uno stato “civile e civilizzatore” come la Francia.</p>
  227. <p>Apparentemente a furor di popolo, poiché alimentato dalla retorica dei media, l’arbitrio più smaccato si fa forte della legge “uguale per Toti”, cosicché ogni singolo sbirro si sente autorizzato ad esercitare il monopolio sulla violenza in maniera, da una parte, sempre più estesa e pervasiva e, dall&#8217;altra, in modo mirato e persecutorio.<br />
  228. Girando per la città ci si rende conto che l’abuso di potere è diventato la regola da parte dei rappresentanti della legge. I muscoli possono essere mostrati sia mentre si multa chi beve una <em>birretta</em>, sia mentre si dà un foglio di via per una maglietta taroccata, che mentre si sparano pallottole letali per “gestire” la crisi di nervi di un ragazzo, ucciso impunemente davanti alla propria madre per cause di forza maggiore “nell&#8217;adempimento del servizio”.<br />
  229. Inoltre, dapprima proposta come soluzione emergenziale tesa a risolvere una volta per tutte il problema della criminalità, la presenza attiva dei soldati non solo si è stabilizzata, ma è montata al punto da militarizzare interi quartieri.</p>
  230. <p>In questa città-stato di polizia l’esercito e le forze della repressione si fanno garanti dei profitti e degli investimenti di speculatori e affaristi in preda alla febbre dell’oro “da turista”. Serviranno poi per proteggere intere zone che gli intrallazzoni dell’amministrazione cittadina e regionale, in paperoniano delirio di onnipotenza, favoleggiano di “cedere“ ai privati in un futuro più prossimo possibile, magari dotandole di sicuri cancelli, tornelli e, appunto, adeguata sorveglianza. Già l&#8217;inquinarmatore Costa, forte dei suoi profitti, si propone di privatizzare il centro cittadino per celebrare il suo impero personale e ha pronta una bella festa che prevede, tra una misura di sicurezza “eccezionale” e un cecchino sul tetto, gioiosi scivoli d’acqua in via Venti.</p>
  231. <p>Per tutti quelli, e sono sempre di più, che “faticano ad arrivare alla fine del mese” o non arrivano neppure all&#8217;inizio, la risposta è sempre la stessa: repressione!<br />
  232. Non hai i soldi per la bolletta? Ti taglio le forniture!<br />
  233. Non hai i soldi per l’affitto? Ti sfratto e ti sgombro!<br />
  234. Il ricatto padronale sul lavoro, ormai cronicamente precario, è la leva usata dai dominatori per fomentare una guerra tra poveri che mette gli sfruttati &#8211; sempre più mal pagati e alienati &#8211; contro gli esclusi dalla catena produttiva e dai consumi.</p>
  235. <p style="text-align: center"><strong>Spazio di documentazione Il Grimaldello                                                    Frontedegrado</strong></p>
  236. <p style="text-align: center">
  237. <strong>Venerdì 29 giugno in piazza Cernaia alle 19</strong><br />
  238. <strong>Assemblea pubblica su DASPO urbano e repressione in città</strong></p>
  239. ]]></content>
  240. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-assemblea-pubblica-daspo-urbano/#comments" thr:count="0"/>
  241. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-assemblea-pubblica-daspo-urbano/feed/atom/" thr:count="0"/>
  242. <thr:total>0</thr:total>
  243. </entry>
  244. <entry>
  245. <author>
  246. <name>grimaldello</name>
  247. </author>
  248. <title type="html"><![CDATA[(Giu-2018) I ROLLI AI POVERI, I RICCHI A BEGATO]]></title>
  249. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-i-rolli-ai-poveri-i-ricchi-a-begato/" />
  250. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=807</id>
  251. <updated>2018-11-29T12:13:14Z</updated>
  252. <published>2018-11-29T12:13:14Z</published>
  253. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[I ROLLI AI POVERI, I RICCHI A BEGATO E’ QUESTA LA VERA LOTTA AL DEGRADO Il cosiddetto programma di riqualificazione dei centri storici, grazie al quale i capitalisti hanno pianificato e messo in atto una strategia ad uso e consumo di intrallazzatori e speculatori di ogni risma, contando sull&#8217;impegno attivo dei servizi sociali e della [&#8230;]]]></summary>
  254. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-i-rolli-ai-poveri-i-ricchi-a-begato/"><![CDATA[<p align="CENTER"><span style="font-size: large"><b>I ROLLI AI POVERI, I RICCHI A BEGATO</b></span></p>
  255. <p align="CENTER"><span style="font-size: large"><b>E’ QUESTA LA VERA LOTTA AL DEGRADO</b></span></p>
  256. <p align="JUSTIFY">Il cosiddetto programma di riqualificazione dei centri storici, grazie al quale i capitalisti hanno pianificato e messo in atto una strategia ad uso e consumo di intrallazzatori e speculatori di ogni risma, contando sull&#8217;impegno attivo dei servizi sociali e della polizia, sembra aver superato la <b>prima fase, consistita nello spopolamento dei caruggi dagli abitanti storici</b>, spostati, nucleo familiare dopo nucleo familiare, sgombero dopo sgombero, verso le periferie.</p>
  257. <p align="JUSTIFY">Durante questa fase, sfruttando da avvoltoi gli effetti nefasti che la crisi economica ha scaricato sulla fascia economicamente più debole, i soliti noti &#8211; proprietari di beni patrimoniali, compresi enti pubblici e religiosi &#8211; hanno utilizzato il vento della gentrificazione <b>per “modificare l&#8217;immagine della città” e fare cartello</b>, al fine di monopolizzare il mercato immobiliare e manipolare a piacimento prezzi e affitti.</p>
  258. <p align="JUSTIFY">Intanto, sotto lo slogan della “legalità” e in nome della sicurezza dei “nuovi” e benestanti residenti<span id="more-807"></span>, si è affermata e consolidata la presenza militare tesa a rassicurare i benpensanti aumentando il livello repressivo. Ormai quotidianamente abbiamo l&#8217;opportunità di “ammirare” le forze dell&#8217;ordine in azione “sul territorio” in <b>operazioni dal carattere decisamente razziale e classista</b>.</p>
  259. <p align="JUSTIFY">Il passaggio alla <b>fase avanzata</b> del programma prevede la messa a profitto delle posizioni conquistate, tramite lo sfruttamento intensivo del turismo di massa, attratto, come le zanzare, dalle insegne luminose della città-vetrina.</p>
  260. <p align="JUSTIFY">Per questo i caruggi dovrebbero abdicare all&#8217;umanità che li ha sempre contraddistinti <b>come luoghi di socialità solidale</b> per cedere il passo all&#8217;immagine spettacolare di una città da cartolina prepagata e ipocrita, ma a prova di <em>selfie</em>.</p>
  261. <p align="JUSTIFY">Ma perché la foto riesca bene, è ancora necessario ripulire l’ambiente da tutti quegli elementi critici che rischiano di inquinarne lo scenario e di mettere in luce le macroscopiche contraddizioni e gli abusi su cui si fonda, in questo ridisegnato, posticcio centro storico, <b>la socialità del terzo millennio</b>.</p>
  262. <p align="JUSTIFY">L’obiettivo del decreto emanato poco tempo fa da Dracula-Minniti (ci scusi il conte Vlad) è proprio questo: patinare lo sfondo eliminando i “dettagli” scomodi, ossia tutto ciò che possa richiamare alla mente la spropositata disuguaglianza, <b>non solo economica</b>, che esiste tra la città reale e quella che ci propongono le guide turistiche.</p>
  263. <p align="JUSTIFY">Quindi, non bastassero polizia, carabinieri, guardia di finanza, alpini e affini<b>, i vigili urbani sono stati investiti di compiti da vera e propria polizia,</b> al fine di estendere capillarmente i controlli e la repressione. Compito che questi hanno assunto con zelo estremo, arrivando a vere e proprie angherie personali nei confronti di chi cerca di barcamenarsi racimolando qualche spicciolo facendo giocoleria, vendendo libri per strada o semplicemente chiedendo una moneta. Anche bere una birra è diventato reato da perseguire.</p>
  264. <p align="JUSTIFY">Così, mentre da un lato <b>A.R.T.E. svende indisturbata interi palazzi di edilizia popolare</b> delle zone storiche ad affaristi e immobiliari, dall&#8217;altro potranno <b>aprire sempre più alberghi a mille stelle all&#8217;interno dei palazzi d’epoca</b> (come Serra Gerace in Sottoripa o Palazzo Grillo in piazza delle Vigne, appositamente sgomberato da un’occupazione) regalati dalle giunte comunali alle cordate imprenditoriali associate al progetto Smart City<span style="color: #5a5a5a">.</span></p>
  265. <p align="JUSTIFY"><b>Costoro vogliono migliorare la LORO qualità della vita</b>, anche accaparrando i finanziamenti europei, ristrutturando edifici e porto, differenziando le fonti energetiche ed i mezzi di trasporto ad ulteriore <b>discapito</b> di chi già ora non ha soldi per l&#8217;affitto, le bollette, i biglietti dell&#8217;autobus, mentre di traghetti e grandi navi da crociera respira solo i fumi inquinanti. Alla faccia della tanto sbandierata salvaguardia ambientale.</p>
  266. <p align="JUSTIFY">Per non parlare dell’altrettanto sbandierata ricaduta sull&#8217;occupazione: l’abituale<b> ipersfruttamento nel campo “dell&#8217;accoglienza” turistica, mentre i pochi dipendenti pubblici rimasti, per altro additati come criminali, vengono impiegati per far guadagnare soliti e nuovi privilegiati.</b></p>
  267. <p align="JUSTIFY">
  268. <p style="text-align: center" align="JUSTIFY"><span style="font-size: large"><b>TOTI, BUCCI, BAGNASCO, RENZO PIANO SIETE VOI DEGRADO UMANO</b></span></p>
  269. <p align="JUSTIFY">
  270. <p style="text-align: right"><span style="font-size: large"><b>Spazio di documentazione “ Il grimaldello”, </b></span>via della maddalena 81r</p>
  271. <p align="RIGHT"><span style="font-size: large"><b>Fronte Degrado</b></span></p>
  272. ]]></content>
  273. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-i-rolli-ai-poveri-i-ricchi-a-begato/#comments" thr:count="0"/>
  274. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/giu-2018-i-rolli-ai-poveri-i-ricchi-a-begato/feed/atom/" thr:count="0"/>
  275. <thr:total>0</thr:total>
  276. </entry>
  277. <entry>
  278. <author>
  279. <name>grimaldello</name>
  280. </author>
  281. <title type="html"><![CDATA[(Mar-2018) DASPO urbano]]></title>
  282. <link rel="alternate" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/mar-2018-daspo-urbano/" />
  283. <id>https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/?p=802</id>
  284. <updated>2018-11-29T12:05:03Z</updated>
  285. <published>2018-11-29T12:04:30Z</published>
  286. <category scheme="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org" term="General" /> <summary type="html"><![CDATA[IL TERRORISMO BANALE DELLA BORGHESIA E DEGLI SPECULATORI E’ ormai risaputa e smascherata la tattica praticata dai politucoli moderni che si lanciano in grossolane sparate, amplificate dai media, per giungere a risultati altrimenti di “complicata” realizzazione. Così, da qualche tempo, si appioppano DASPO urbani, severi provvedimenti ad hoc per reprimere il degrado, cioè per tenere a distanza di [&#8230;]]]></summary>
  287. <content type="html" xml:base="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/mar-2018-daspo-urbano/"><![CDATA[<h4 style="text-align: center"><strong>IL TERRORISMO BANALE DELLA BORGHESIA E DEGLI SPECULATORI</strong></h4>
  288. <p style="text-align: left">E’ ormai risaputa e smascherata la tattica praticata dai politucoli moderni che si lanciano in grossolane sparate, amplificate dai media, per giungere a risultati altrimenti di “complicata” realizzazione. Così, da qualche tempo, si appioppano <strong>DASPO urbani</strong>, severi provvedimenti ad hoc per reprimere il degrado, cioè per tenere a distanza di turistica vista i venditori, i parcheggiatori, i lavavetri, chi è costretto a rovistare nella <em>rumenta</em> per campare, così come la scritta o la locandina sui muri, allo scopo di rafforzare, quantomeno, la presenza militare e una<br />
  289. repressione dal sapore sempre più reazionario nella città.</p>
  290. <p style="text-align: left">Il <strong>Decreto Minniti</strong> per l’applicazione del daspo urbano prevede, infatti, <span id="more-802"></span>che i sindaci possano aumentare i controlli del territorio anche tramite la polizia municipale, la quale &#8211; se non bastassero poliziotti, carabinieri, guardia di finanza ed esercito &#8211; sarà sempre più attivamente impegnata per allontanare chi, semplicemente con la sua presenza, evidenzia il disagio borghese di una città nei riguardi della povertà che tenta di nascondere sotto kilometri di ridicole passatoie rosse.</p>
  291. <p style="text-align: left">Per chi non vuole o non può uniformarsi agli standard della città-vetrina del turismo si aggiungono l’<strong>allontanamento</strong> dal luogo del “delitto” e la <strong>multa esorbitante</strong> alle consuete misure repressive: già da mo’, infatti, si rifilano multe, con un accanimento tale da rasentare la persecuzione, a chi chiede qualche spicciolo o cammina bevendo una birra, già da mo’ si dà la caccia a chi scrive sui muri o attacca locandine per comunicare senza mediazioni.</p>
  292. <p style="text-align: left">La guerra ai poveri, guerra di classe, ai tempi del turismo come in quelli del nazifascismo, assume, tra gli altri, i contorni della <strong>campagna moralista condotta con burocratico rigore per la “normalizzazione” e la </strong><strong>sicurezza</strong>, mentre in realtà il suo unico scopo è la tutela dei capitali e della speculazione.</p>
  293. <p style="text-align: left">Al problema della casa e del caro affitti si risponde con gli sgomberi, alle dinamiche dei flussi migratori con rastrellamenti, fermi, rimpatri, controlli mirati e assillanti, ai “girovaghi” con fogli di via, <strong>perché i poveri, nelle </strong><strong>Disneyland del turismo, non devono proprio farsi vedere</strong>. Rovinano il panorama e disturbano il piano, ispirato a teorie liberiste ultra-radicali, di favorire speculatori e intrallazzoni, piano tenacemente portato avanti dagli apparati repressivi ed esaltato dai paladini del decoro e della gentrificazione, tra i quali si distinguono i<br />
  294. “nuovi” imprenditori, i proprietari di catene di alberghi e b&amp;b, immobiliari, armatori, banche e curia.</p>
  295. <p style="text-align: left">Insomma, sotto il Daspo urbano, niente di nuovo.</p>
  296. <p style="text-align: left">PS: l&#8217;ordinanza comunale che vieta di bere alcol è stata sospesa a Trento in occasione dell’<strong>adunata degli </strong><strong>alpini</strong>. Il «degrado», è stato spacciato per «festa», «amicizia», «solidarietà». Trattandosi di Alpini nessuna critica, nessun DASPO, mentre le <strong>donne molestate</strong> sono state accusate di essere mignotte bugiarde.</p>
  297. <h2 style="text-align: center"><strong>GUERRA ALLA GUERRA CONTRO I POVERI</strong></h2>
  298. <p style="text-align: right"><strong>Spazio di Documentazione Il Grimaldello</strong> Via della maddalena 81r</p>
  299. <p style="text-align: right"><strong>Frontedegrado</strong><br />
  300. <strong>Ghetto people</strong></p>
  301. ]]></content>
  302. <link rel="replies" type="text/html" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/mar-2018-daspo-urbano/#comments" thr:count="0"/>
  303. <link rel="replies" type="application/atom+xml" href="https://spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/post/2018/11/29/mar-2018-daspo-urbano/feed/atom/" thr:count="0"/>
  304. <thr:total>0</thr:total>
  305. </entry>
  306. </feed>
  307.  

If you would like to create a banner that links to this page (i.e. this validation result), do the following:

  1. Download the "valid Atom 1.0" banner.

  2. Upload the image to your own server. (This step is important. Please do not link directly to the image on this server.)

  3. Add this HTML to your page (change the image src attribute if necessary):

If you would like to create a text link instead, here is the URL you can use:

http://www.feedvalidator.org/check.cgi?url=https%3A//spazio-di-documentazione-il-grimaldello.noblogs.org/feed/atom/

Copyright © 2002-9 Sam Ruby, Mark Pilgrim, Joseph Walton, and Phil Ringnalda